Comunità Energetiche

Associazioni di cittadini e imprese ora possono produrre e consumare la propria energia.

Immagini di una comunità abitativa

Cos’è la Comunità energetica?

E’ un soggetto giuridico definito da ARERA (con la DEL. 318/2020/R/EEL) basato sulla partecipazione aperta e volontaria di soggetti (chiamati azionisti o membri) situati nelle vicinanze degli impianti di produzione di proprietà della comunità di energia rinnovabile. 

Chi può essere membro della Comunità energetica?

Possono partecipare persone fisiche, piccole e medie imprese (PMI), enti territoriali o autorità locali, comprese le amministrazioni comunali, purché la partecipazione alla comunità di energia rinnovabile da parte delle imprese private non costituisca l’attività commerciale e/o industriale principale. 

Qual è lo scopo della costituzione di una Comunità energetica?

L’ obiettivo principale è fornire benefici ambientali, economici o sociali a livello di comunità ai propri azionisti o membri o alle aree locali in cui opera, piuttosto che profitti finanziari.

Come si soddisfa la condizione di vicinanza necessaria per la costituzione di una Comunità Energetica?

Sono considerati "vicini" i titolari di connessioni su rete elettriche di bassa tensione alimentate dalla medesima cabina di trasformazione di media/bassa tensione.  

Come posso sapere da quale cabina è alimentato il mio POD?

Il richiedente può inoltrare apposita richiesta al Distributore competente anche per conto di altri titolari. 

Per i clienti connessi alla rete di E-Distribuzione la richiesta, con oggetto "Comunità Energetica" va inviata all’indirizzo PEC: e-distribuzione@pec.e-distribuzione.it, e deve contenere, oltre l'indicazione del comune e della provincia, anche:

  • una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (in caso di  richiesta presentata per conto di altri) con cui il richiedente dichiara di aver ottenuto le autorizzazioni da parte di tutti i membri per i quali richiede la verifica di appartenenza alla medesima cabina secondaria;
  • un file contenente per ciascuna riga il codice POD per il quale è necessario verificare l’appartenenza alla cabina secondaria e il codice fiscale del richiedente. 

Per ogni elenco di POD inviato E-Distribuzione fornirà risposta, entro 10 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta, a mezzo PEC completando il file presentato con l’indicazione della cabina secondaria da cui ciascun POD è alimentato e la data del rilascio della dichiarazione.

A seguito del riscontro ottenuto dal Distributore competente, il richiedente potrà presentare apposita richiesta di riconoscimento della Comunità Energetica al Gestore dei Servizi Energetici (GSE).