Open Meter

Il contatore 2.0 per accompagnarti nel futuro

Immagine del contatore

Open Meter è il contatore che prenderà il posto dei misuratori elettronici di prima generazione, la cui sostituzione massiva per i clienti connessi alla rete di E-Distribuzione si concluderà entro il 2024.  Per l’Italia il vecchio contatore meccanico è già un lontano ricordo, essendo stato il primo paese al mondo a dotarsi di un misuratore digitale più di venti anni fa, ma Open Meter promette di fare molto di più. Il nuovo contatore è in grado di combinare la qualità del servizio con l’innovazione tecnologica, per assicurare ai consumatori alti standard di performance e nuove funzionalità, ricevere informazioni sui consumi di energia elettrica near real time e, di conseguenza, programmarne il prelievo in un’ottica di risparmio e convenienza.

Grazie alla disponibilità giornaliera di dati di misura quartorari, il cliente può avvalersi di informazioni sull’energia consumata o prodotta sempre più puntuali, che offrono la possibilità di comprendere meglio le proprie abitudini di consumo. Una delle grandi novità del nuovo contatore è l’adozione di un canale di comunicazione dedicato al Cliente con un protocollo di comunicazione standardizzato: tale canale conosciuto anche come “Chain 2”, consente lo sviluppo e la diffusione di dispositivi di mercato dedicati ai servizi di energy management e home automation.

Sfruttando tutti i dati che il nuovo contatore è in grado di gestire e fornire al sistema, gli operatori del mercato potranno proporre offerte commerciali innovative e servizi a valore aggiunto aderenti alle esigenze dei clienti. I produttori possono, inoltre, avere una maggiore consapevolezza dell’efficienza di funzionamento del proprio impianto, favorendo un’integrazione “intelligente” degli impianti di micro-generazione.

Allo stesso tempo, Open Meter, agendo come un vero e proprio sensore di rete avanzato, consente un monitoraggio dei parametri elettrici per ogni singolo cliente garantendo un servizio di qualità. Il tutto in un’ottica di funzionamento sempre più efficiente della rete di distribuzione con l’obiettivo di migliorare l’esercibilità dell’intero sistema.

La sostenibilità è parte integrante del contatore stesso e delle scelte green, come l’imballaggio composto per oltre il 99,5% in cartone, il riciclo di oltre il 93% dei materiali provenienti dai contattori sostituiti e il nuovo progetto per la realizzazione di contatori con plastiche rigenerate (oltre 4.000 i contatori già installati). La telegestione permette, inoltre, che la gran parte delle operazioni tecniche e commerciali siano eseguite da remoto consentendo ai clienti di ricevere i servizi richiesti in tempi brevi, riducendo al minimo la movimentazione delle squadre e abbattendo i valori di emissioni prodotte.