• 06 ottobre 2020

Lo “scatto” di Open Meter

Installati 16 milioni dei nostri nuovi contatori, la metà prevista per il 2024, un obiettivo importante raggiunto in un momento particolare. Come spiega Diego Pirolo, responsabile Open Meter Deployment

Sedici milioni di Open Meter installati, il cinquanta per cento di quelli previsti entro il 2024. Questo l’importante obiettivo raggiunto per il quale abbiamo duramente lavorato e che, grazie a un’attenta organizzazione e al grande impegno dei colleghi, ci ha consentito di superare senza problemi il giro di boa in vista del traguardo finale. “Un risultato altamente positivo”, commenta Diego Pirolo, responsabile Open Meter Deployment, “reso ancora più prezioso dal momento che l’intero Sistema-Paese sta attraversando e ottenuto nel pieno rispetto degli obiettivi di piano fissati dall’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente”.

 

Open Meter: il traguardo

Sedici milioni di nuovi contatori sono dunque arrivati nelle case e negli uffici degli italiani per garantire sicurezza, trasparenza ed efficienza dei loro consumi.

“Certamente un traguardo importante avvenuto grazie ad un’attenta pianificazione e organizzazione delle attività in un progetto che per numero di attori coinvolti e vastità di territorio interessato presenta elementi di estrema complessità”, spiega Pirolo. L’attività sta procedendo a ritmi sostenuti e nel rispetto del piano predisposto e approvato dall’Autorità di Regolazione nel 2017 che prevede dei volumi annuali prefissati e vincolanti per il distributore. “Ovviamente l’impatto della pandemia non era prevedibile e ci ha costretto di fatto a un fermo delle attività per quasi due mesi. Ciò nonostante, grazie alle azioni messe in campo e agli sforzi organizzativi delle nostre imprese, abbiamo incrementato i ritmi di installazione. Stiamo installando contatori a ritmi di 600 mila al mese e abbiamo recuperato il tempo dilatato durante il lockdown”, puntualizza il Responsabile.

 

Open Meter: il progetto

Open Meter, interamente pensato e progettato in Italia, rappresenta una grandissima opportunità per il mondo delle imprese e, più in generale, per tutto il Sistema-Paese. Come racconta Pirolo infatti, “il piano di installazione vede impegnate circa 250 imprese in tutta Italia, con un numero medio di circa 4.000 operatori equivalenti”. Le numerose gare d’appalto che sono state effettuate per l’aggiudicazione dei lavori hanno visto partecipare e vincere sia aziende che già lavoravano con noi di E-Distribuzione, ma al contempo hanno visto sorgere nuovi protagonisti nel settore delle imprese elettriche, “segno che la portata del progetto ha effettivamente messo in moto una parte consistente dell’economia del nostro Paese”, racconta Pirolo. Quindi, quella del progetto di installazione, è stata ed è un’opportunità per tutti gli operatori sia quelli più grandi, che operano a livello nazionale e quindi multi regione, sia per operatori più piccoli che hanno la possibilità di mettere a frutto la loro esperienza locale e partecipare ad un progetto di valenza nazionale.

 

Open Meter: qualità e tecnologia

Qualità del servizio e l’innovazione tecnologica si sposano perfettamente in questo ‘smart metering’ di ultima generazione che, grazie a nuove funzionalità, consente di ottenere informazioni sui consumi di energia elettrica near real time e sfruttarle a vantaggio esclusivo del cliente. Il nuovo contatore è espressione del nostro impegno e delle nostre innovazioni tecnologiche. Anche in tempi di pandemia.

“Una delle funzionalità che Open Meter ha migliorato rispetto alla precedente generazione è infatti la quantità di misure raccolte e la tempestività nell’eseguire in automatico operazioni commerciali. Tutto questo è avvenuto e avviene, senza necessità di contatti fisici tra le persone”, specifica Pirolo.

 

Open Meter: il futuro

Oltre al traguardo finale dei 32 milioni di Open Meter installati entro il 2024, nel futuro e nel presente prossimo ci attende un altro importante obiettivo che ha nel nostro innovativo contatore la sua punta di lancia, quello di rendere “intelligenti” le nostre città e il nostro territorio attraverso l’abilitazione delle smart grids.

Se infatti da una parte Open Meter è un sofisticato misuratore di energia che consente al cliente di diventare sempre più consapevole dei propri consumi, allo stesso tempo è l’ultimo punto della rete elettrica prima della casa del cliente e quindi funge da vero e proprio sensore avanzato dei parametri relativi alla qualità del servizio elettrico. Per questo, il “futuro di Open Meter è quello di un tassello fondamentale nella realizzazione di una rete di distribuzione sempre più smart ed efficiente nell’ambito dei progetti di Smart City, spiega il Responsabile. Con le Smart Grids – le reti intelligenti – di cui il contatore sarà il cuore pulsante, E-Distribuzione potrà integrare le azioni di tutti gli attori connessi alla propria rete elettrica, siano essi produttori o consumatori, per distribuire energia in modo sicuro, efficiente, sostenibile ed economicamente vantaggioso.

 

Open Meter: il presente

Open Meter non è solo il futuro della Rete, ma è anche il presente nella vita di milioni di italiani. Un presente che è a portata di mano nelle case di tante famiglie, protagoniste consapevoli del mercato energetico e protagoniste anche della nuova campagna "Quello che per te conta".

Simona, Elena, Luca e Francesco, Laura, Andrea e Federica, insieme a nonno Giuseppe, sono i protagonisti del nostro video che potete vedere di seguito.

Un video che mette al centro le storie di vita quotidiana e i valori delle persone che con Open Meter diventano una storia sola all’insegna di un futuro più sostenibile. È questo quello che conta per noi di E-Distribuzione. E per te cosa conta? Guarda il video e segui #QuelloChePerTeConta sui nostri canali social!